il primo magazine sulla sostenibilità applicata

Dopo Laura Puppato e Matteo Renzi è la volta del programma per l'ambiente di Pierluigi Bersani. Sul sito  si trovano "10 idee per cambiare", ma nessuna è esplicitamente destinata ai temi ambientali.

L'ambiente è citato al secondo punto del programma in relazione alla lotta ai reati ambientali: "La crisi della democrazia esige ancor più democrazia, regole condivise, netta separazione dei poteri e un'applicazione più onesta e corretta della Carta Costituzionale: lotta all'illegalità, all'evasione fiscale e ai reati contro l'ambiente sono imprescindibili".
Al tema dell'ambiente e della sostenibilità è dedicato il punto sette:
"Realizzare uno sviluppo sostenibile significa valorizzare il saper fare italiano. L'unica possibilità che ha il nostro Paese di vincere la sfida della globalizzazione è tornare a puntare sull'eccellenza del Made in Italy. Siamo per una politica industriale che preveda e imponga il rispetto dell'ambiente. Immaginiamo un progetto‒Paese che individui grandi aree d'investimento, di ricerca e di innovazione nell'industria, nell'agricoltura e nei servizi: la qualità e le tipicità, la mobilità sostenibile, il risparmio e l'efficienza energetica, le scienze della vita, le tecnologie legate all'arte, alla cultura e ai beni di valore storico, l'agenda digitale, le alte tecnologie della nostra tradizione".
Nella pagina seguente il punto 8 del programma (Beni Comuni) richiama alcuni temi ambientali come l'acqua, l'energia, il paesaggio: "L'energia, l'acqua, il nostro patrimonio culturale e paesaggistico, il welfare come la formazione, sono beni che vanno tutelati". E ancora, "Bisogna introdurre normative che definiscano i parametri della gestione pubblica o, in alternativa, i compiti delle autorità di controllo a tutela delle finalità pubbliche dei servizi. È fondamentale una responsabilità pubblica dei cicli e dei processi, che garantisca l'universalità di accesso e la sostenibilità nel lungo periodo. La difesa dei beni comuni è la risposta dovuta ai nuovi bisogni della comunità, riguarda il futuro dei nostri figli e merita una presa in carico da parte di tutti. Sono essenziali maggior razionalità e valorizzazione del tessuto degli enti locali. La funzione regolativa, il presidio di democrazia, partecipazione e servizi che assicurano gli enti locali sono beni assai preziosi per i cittadini italiani".
Come si vede all'ambiente non è stata dedicata un'attenzione particolare. Il tema è stato piuttosto inserito in un contesto di maggiore responsabilità civile e di legalità.
0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok